aggiornato:
     11 aprile 2002
contatti:
posta@tuttinlotta.org
cell. 338-9116688

TERRORISTA CHI ?

bollettino telematico dell'Assemblea Antimperialista

24 Marzo 1999 - 24 MARZO 2002
dopo la "guerra umanitaria" la guerra permanente
Manifestazione e Assemblea
il 30 Marzo a Ravenna

in SOLIDARIETA' AI POPOLI BOMBARDATI
per SCIOGLIERE LA NATO, per CHIUDERE LE BASI
per il RITIRO DELLE TRUPPE ITALIANE ALL'ESTERO
NO ALLE SPESE MILITARI E AL RIARMO

LOTTE OPERAIE
15 febbraio a ROMA
PER LO SCIOPERO GENERALE
Per l'alternativa di classe - Contro la concertazione
Per il ritiro delle deleghe - In difesa dell'Art. 18
CONTRO LA GUERRA

GUERRA - TERRORISMO - NATO - CIA - GLADIO - NEOFASCISMO
P2 - GRANDE FINANZA - SERVIZI SEGRETI - LEGGI SPECIALI
I TERRORISTI:
12 - 23 dicembre: stragi su stragi
Strategie di terrorismo U.S.A.

PALESTINA LIBRE !
aggiornamenti continui: www.arcipelago.org
VITA, TERRA E LIBERTA'
PER IL POPOLO PALESTINESE
Sabato 27 Aprile a FIRENZE
ASSEMBLEA NAZIONALE PER LA SOLIDARIETA' CON LA PALESTINA

FORUM PALESTINA
Sulla manifestazione del 6 aprile a Roma
La manifestazione del 9 marzo a Roma
Appello per il 9 marzo e adesioni,
Comunicato assemblea Roma 19/1

Resoconto riunione nazionale 19 gennaio
Chi siamo - Appello per la Palestina
ROMPIAMO IL SILENZIO

SOLIDARIETA' AI PROLETARI ARGENTINI IN LOTTA !



Contro l'aggressione N.A.T.O. alla Jugoslavia nacque un ampio movimento internazionale di protesta.
In Italia, appena cessati i bombardamenti, i vari organismi che si mobilitarono contro la N.A.T.O. in difesa della Jugoslavia decisero di coordinarsi per dare continuità alla lotta antimperialista.

LA FONDAZIONE DEL
COORDINAMENTO NAZIONALE
LA JUGOSLAVIA VIVRA'

Dal C.N.J.V. all'
Assemblea Antimperialista:

Documenti e iniziative
del C.N.J.V.

APPELLO
per un'assemblea antimperialista unitaria


Accessi dal 9 marzo 2001
Contatti:
posta@tuttinlotta.org

Iscriviti a AA-INFO
aa-info@yahoogroups.com
lista  INFORMAZIONE   
dell'Assemblea Antimperialista


e clicca sul logo

Iscriviti a AA-FORUM
aa-forum@yahoogrups.com
lista  DISCUSSIONE   
dell'Assemblea Antimperialista


e clicca sul logo

in archivio:

Manifestazione
di Cesena
24 Marzo 2001

Alleanze di pace contro l'Alleanza Atlantica
Roma
22 Aprile 2001


COMITATO PROMOTORE
per l'ASSEMBLEA ANTIMPERIALISTA


Coord. Romagnolo
contro la guerra e la Nato
ASSIJUG (Perugia)
Campo antimperialista
Collettivo Antinebbia (Valdarno)
Comitato contro la guerra
(Sesto. S. Giovanni)
Comitato contro la guerra
(Milano Sud)
Comitato per la Pace e la Solidarietā fra i Popoli
Coordinamento cittadino antimperialista (Torino)
Coordinamento romano
per la Jugoslavia
Gruppo Zastava Trieste
Red*Ghost (Ravenna)
Soccorso Popolare (Padova)
Voce Operaia





R O M A
17  e  18  novembre  2001

CONVEGNO NAZIONALE
CONTRO LA GUERRA IMPERIALISTA

con l'adesione del gruppo di lavoratori di IRCCS SPALLANZANI,
AO FORLANINI-S.CAMILLO, AZ.USL RM/D.

  Relazioni e atti del convegno     novitā
  l'assemblea del 18         in lavoro
  Immagini della 2-giorni     come sopra
" LA GUERRA PERMANENTE PER IL DOMINIO GLOBALE
GLI ANTIMPERIALISTI PER UNA PROSPETTIVA DI RESISTENZA "

L'Italia č arruolata in una guerra permanente:
quale ruolo per il movimento antimperialista?

Convegno di approfondimento sugli aspetti della guerra e confronto
sulla prospettive nazionali e internazionali della lotta all'imperialismo
Per parlare, informare e discutere di embarghi e uranio impoverito,
interessi economici celati dietro questa guerra, servi, padroni e ricadute
sui lavoratori italiani, lotte antimperialiste nel mondo

PROGRAMMA, MANIFESTO, INVITO AL CONVEGNO

Spunti di riflessione
a cura dei Collettivi di Scienze della Formazione – Firenze
Novembre 2001
Asia e Medio Oriente: Quali gli interessi in campo?

FERMIAMO LA GUERRA DEI TERRORISTI N.A.T.O.
BRACCIO ARMATO
DELLA GLOBALIZZAZIONE IMPERIALISTA
TUTTE E TUTTI NELLE PIAZZE DEL MONDO
VOLANTINO, INFO E SCADENZE
per organizzare le prossime lotte
per costruire una larga opposizione alla guerra ovunque
NELLE FABBRICHE, NEI QUARTIERI, NELLE SCUOLE!

FERMIAMO LA MORTE NUCLEARE !
NO ALLA GUERRA E AI SUOI STRUMENTI DI MORTE !

       altri link, appuntamenti, appelli, iniziative:
     A.N.S.W.E.R. - act now against war and racism
     I.A.C. - International Acion Center
     VENETO CONTRO LA GUERRA

27 OTTOBRE 2001
GIORNATA INTERNAZIONALE
CONTRO LA GUERRA E IL RAZZISMO
(Act Now to Stop War and End Racism - A.N.S.W.E.R.)
Padova - Ravenna - Taranto - Caserta - Milano
Granarolo (BO) - Bologna - Aviano (PN) - Rimini

9 NOVEMBRE 2001
SCIOPERO GENERALE NAZIONALE
contro la guerra e la finanziaria di guerra

Comunicato RdB/CUB - Slai Cobas
Comunicato stampa RdB Protezione Civile


 

Mentre l'Italia, membro attivo della NATO e del G8,
va assumendo un nuovo ruolo tra i Paesi imperialisti,
lo stato lancia una campagna di
ALLARME STAMPA E REPRESSIONE POLIZIESCA
CONTRO GLI ANTIMPERIALISTI

IL NOSTRO ANTIMPERIALISMO E QUELLO ALTRUI:
UN PUNTO FERMO E UNA VALUTAZIONE CRITICA
SUI METODI DI LOTTA

Mentre nuove bombe "antimperialiste" esplodono qua e lā,
riteniamo doveroso pubblicare questo contributo critico
sul problema della cosiddetta "lotta armata".

 

 

Immagini del blocco antimperialista
alla manifestazione del 20 luglio 2001
a Genova Ponente



L'Unità del 26 agosto, sotto il titolo "Ecco chi sono i violenti", sbatteva in prima pagina, con forte impatto, una foto che ritraeva il contingente antimperialista alla manifestazione col sindacalismo di base del 20 luglio.
Il giornale dei DS in quei giorni, facendo eco alle dichiarazioni dei vari Agnoletto, Bertinotti e company, guidava l'infame campagna contro i"provocatori", i "black bloc", gli "anarchici", gli "infiltrati".
In questa isterica caccia alle streghe, il signor Furio Colombo ha pescato nel torbido additandoci alla polizia come i "cattivi".
Siamo onorati signor Furio Colombo!
Ma c'è un particolare: i "violenti" di cui parli, pur essendo giunti sin sotto la "zona rossa", non si son dati al saccheggio, né hanno ingaggiato scontri con la Polizia, anche se non sono mancati momenti di tensione. Rintuzzati grazie alla maturità di tutto il corteo e alla nostra fermezza.
Eravamo andati a Genova per manifestare in modo ordinato, consapevoli che ogni "attacco alla zona rossa" sarebbe stato velleitario e suicida.
Mettemmo anzi in guardia il movimento (dopo Napoli) dal cadere nella trappola: la trappola di credere che questa volta Berlusconi e Scajola avrebbero accettato (come ai tempi del compiacente Ulivo) di giocare alla simulazione, di fare a botte per finta. Questa volta le avrebbero date.
È successo anche di peggio. Il compagno Carlo Giuliani (a cui rendiamo onore!) è stato ammazzato, centinaia sono stati i compagni feriti, altrettanti quelli tratti in arresto.
Per certi versi un disastro.
Noi non abbiamo di che cantare vittoria.
Grazie anzitutto al sindacalismo di base antimperialista, abbiamo partecipato ad una manifestazione che, per quanto modesta, ha raggiunto i suoi scopi. Più non potevamo fare.
Eravamo comunque diverse migliaia.
E siccome non ci sono stati tafferugli, non c'e' stato sangue, la stampa e le TV ci hanno oscurato. Ma ci hanno oscurato anzitutto per i contenuti che portavamo, poco digeribili dall'opinione pubblica borghese, così benevola invece verso altre componenti "civiliste" del movimento.
Ci hanno oscurato perché siamo antimperialisti.
Non ci stiamo lamentando. Non mendichiamo la ribalta.
Né abbiamo messo a repentaglio l'incolumità dei nostri compagni e del corteo, pur di ottenerla.
Possiamo dire oggi che gli antimperialisti, in barba a tutti i boicottaggi e ai veti incrociati, sono stati a Genova da protagonisti, non da comparse, ne' come truppe cammellate del variopinto schieramento raccolto nel GSF.
Abbiamo fatto un altro piccolo passo avanti. Che sia un buon viatico per il futuro.
La Palestina, la Colombia, i Balcani e la Turchia, per non parlare di tutti gli altri popoli e fronti in lotta, ci chiedono di non mollare.

l'Assemblea antimperialista

 




Assemblea Operaia. Da dove (ri) cominciare?
DALLO  SCIOPERO del 15 DICEMBRE
Presso l'Associazione Popolare "La Fucina" (via Falck, 44 - Sesto San Giovanni, MILANO)
15 -16 DICEMBRE   Assemblea Operaia
"Contro le guerre dei padroni, per l'organizzazione dei lavoratori"
CONTRO IL SISTEMA DEI PADRONI
ORGANIZZIAMOCI PER L'ALTERNATIVA DI CLASSE!
15 febbraio giornata di lotta nazionale


Milano 11 gennaio 2002 riunione nazionale RSU
Le delegate ed i delegati RSU (riunitisi a Bologna il 1 dicembre 2001)
promotori del movimento per un "Coordinamento Nazionale delle RSU"

Convocazione assemblea 11 gennaio
Le decisioni dell'assemblea
15 febbraio giornata di lotta nazionale

RSU A ROMA IL 15 FEBBRAIO 2002
PER LO SCIOPERO GENERALE



torna a inizio pagina


GUERRA - TERRORISMO - NATO - CIA - GLADIO - P2 - GRANDE FINANZA - SERVIZI SEGRETI - STRAGI - NEOFASCISMO - LEGGI SPECIALI

12 - 23 DICEMBRE 2001

12 dicembre 1969 - 12 dicembre 2001
Nella ricorrenza della strage di Piazza Fontana l'Assemblea Antimperialista partecipa e promuove iniziative territoriali in memoria delle vittime e di denuncia della matrice fascista e imperialista
del terrore stragista, storicamente, politicamente e giuridicamente dimostrata
ORA E SEMPRE RESISTENZA

DA PIAZZA FONTANA E DALLE STRAGI DI NATALE NELLO STATO DEMOCRATICO BORGHESE
FINO AL TERRORE INTERNAZIONALE DELLA GUERRA INFINITA E DELLE LEGGI SPECIALI NAZIONALI E INTERNAZIONALI DEL NUOVO ORDINE MONDIALE
UN UNICO DISEGNO IMPERIALISTA

Il 12 dicembre del 1969 una bomba esplode a Milano in Piazza Fontana, provocando una strage.
La bomba fascista alla Banca dell'Agricoltura fu l'episodio che riaprì la stagione delle stragi negli anni '70, rilanciando la "Strategia della tensione": un'appendice del "Piano Marshall" per un'Italia a libertà e sovranità limitata, un capitolo iniziato a Portella della Ginestra e proseguito poi in ogni stagione della vita politica del dopoguerra nel nostro Paese, da P.zza Fontana alle stragi di Natale, di Brescia, di Bologna, e collegato alle vicende di Ustica e del Cermìs. Una presenza e una strategia terrorista studiata in ambiente NATO e P2, guidata e coperta dagli apparati dello Stato italiano, eseguita da cellule fasciste legate alla presenza delle basi NATO-USA sul nostro territorio; una presenza e una strategia messa in atto per occupare il territorio, per terrorizzare l'opinione pubblica, per fermare e criminalizzare la lotta e le avanguardie del proletariato, la presa di coscienza di studenti e operai, per giustificare la violenta repressione poliziesca e le leggi speciali, per "stabilizzare" e normalizzare l'Italia, per fermare le istanze rivoluzionarie allora nascenti. Una strategia che mise alfine in carcere tanti compagni, e in ginocchio la sinistra organizzata e rivoluzionaria, aprendo la strada alla stagione della pace sociale, del revisionismo, della sconfitta operaia degli anni '80.
Una presenza e una strategia ancora oggi attuale e operativa.

ENDURING FREEDOM ?     RESTORE HOPE ?     INFINITY JUSTICE ?
TERRORISTI SIETE VOI !

Ampiamente attuata dall'imperialismo per soffocare qualsiasi opposizione e resistenza ai suoi piani di dominio e sfruttamento, questa strategia terrorista è stata applicata nel mondo contro interi Popoli e Paesi considerati di intralcio ai suoi disegni egemonici.
Gli interventi armati contro Iraq, Somalia, Jugoslavia, Afghanistan (e la lista è INFINITA) per "restituire la speranza" ed imporre loro la "libertà duratura", sono l'altra faccia di quella "giustizia infinita" che progetta e compie le stragi, così come assolve il padronato assassino del petrolchimico di Porto Marghera.

     CONTRO IL TERRORE IMPERIALISTA

LOTTA DI CLASSE INTERNAZIONALISTA !

Assemblea Antimperialista



torna a inizio pagina